Home > Medio Oriente, Palestina > Israele-Hamas. Shalit libero, rilasciati 477 palestinesi

Israele-Hamas. Shalit libero, rilasciati 477 palestinesi

(NTNN) – È una giornata di celebrazioni sia in Israele sia nei territori palestinesi, dove sono arrivati i 477 detenuti (295 a Gaza) rilasciati oggi dalle carceri israeliane in cambio della liberazione del caporale Gilad Shalit, 25 anni, che da cinque anni era prigioniero nella Striscia. L’accordo tra Hamas e governo israeliano, raggiunto con la mediazione egiziana, prevede il rilascio nei prossimi mesi di altri 550 detenuti. Nei territori sono considerati eroi della resistenza contro l’occupazione israeliana e la loro scarcerazione è una vittoria diplomatica del Movimento di resistenza islamico che controlla la Striscia e, per alcuni analisti, uno schiaffo all’Autorità nazionale palestinese (Anp), considerata sinora l’unica legittimata a negoziare con gli israeliani. In Israele l’accordo siglato dal premier Benjamin Netanyahu ha il sostegno della maggioranza dei cittadini, malgrado le polemiche e il ricorso, respinto ieri sera, alla Corte suprema dei parenti delle vittime di attentati perpetrati da alcuni dei detenuti palestinesi che saranno liberati.

Shalit, catturato a giugno del 2006 in un blitz dei miliziani di Hamas in cui furono uccisi due commilitoni del caporale, ha detto alla tv egiziana di essere stato trattato bene e di avere saputo della sua liberazione una settimana fa. È stato trasferito prima in Egitto e poi nella base dell’aviazione israeliana Tel Nof dove ha incontrato Netanyahu, poi da lì raggiungerà casa a Mitzpe Hila, in Galilea. Non tutti i 1.027  prigionieri palestinesi potranno restare nei territori, in base all’accordo alcuni di loro si trasferiranno in Turchia, Siria o Qatar.

I leader mondiali hanno espresso soddisfazione per la liberazione del militare israeliano e il Quartetto di Madrid (Ue, Usa, Onu, Russia) ha annunciato per il 26 ottobre un incontro con  israeliani e palestinesi, ma non si tratta della ripresa dei dialoghi diretti interrotti un anno fa. Il clima di distensione ha favorito le relazioni tra Egitto e Israele che potrebbe liberare 81 prigionieri egiziani in cambio di due israeliani: Ilan Grapel, accusato di spionaggio dall’Egitto, e Oda Tarabin. (NTNN)

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: