Archivio

Archive for the ‘Altro’ Category

Tedeschi tra le fila di al Qaeda

Sempre più tedeschi musulmani diventano jihadisti. A rivelarlo è l’agenzia di stampa tedesca Deutche Welle (DW) che in una recente inchiesta ha dimostrato che, sebbene i casi siano ancora pochi, il numero degli aspiranti guerriglieri islamici è destinato a crescere. Secondo i servizi di sicurezza tedeschi, dagli inizi degli anni ’90 almeno235 tedeschi hanno ricevuto un addestramento paramilitare da movimenti terroristici islamici; secondo ilgiornale Dw, al momento sarebbero circa 100 le persone coinvolte negli addestramenti militari, circa la metà rimpatriate e almeno una decina arrestate.

I servizi segreti prendono la cosa molto sul serio e temono che, se tornassero in patria, questi uomini potrebbero essere coinvolti in attività pericolose per la sicurezza nazionale. Dw ha fatto sapere che alcuni esponenti del Sauerland Group, responsabili degli attentati alle strutture statunitensiin Germania, avevano frequentato campi di addestramento militare in Pakistan, dove sarebbero stati pianificati gli assalti.

L’agenzia DW ha parlato anche dei video propaganda, citando il caso dei fratelli marocchini Mounir e Yassin C di Bonn che hanno postato video in tedesco in cui invitavano a uccidere giornalisti e attivisti del partito diultra destra NRW (German Citizens’ Movement). Per molti i video possono apparire assurdi e drammatici, ma in alcuni casi hanno raggiunto lo scopo prefissato. E’ il caso di Arid U., il kosovaro che sparò a morte i due soldati americani e ne ferì altri due all’aeroporto di Francoforte nell’aprile 2011, influenzato da alcuni video di Mounir che incitavano al massacro. “Al Qaeda e i suoi seguaci hanno creato un genere di film-propaganda”, ha detto Asiem El Difraoui,autore di uno studio sul ruolo della propaganda online per la FondazionePolitica ed Economica dell’Istituto Tedesco per gli Affari internazionali e della Sicurezza. Questi film propongono una visone romanzata della vita nei campi di addestramento, con una spaventosa raffigurazione delle sofferenze dei civili musulmani e la glorificazione del martirio.

“Ricercatori norvegesi hanno studiato il profilo di centinaia di simpatizzanti jihadisti e hanno concluso che ognuno di loro è un utente assiduo di siti di propaganda islamica e sono stati soprattutto i film a influenzarli”, ha detto El Difraoui. Per fermare questo “turismo jihadista”, laGermania porta avanti delle offensive militari nei campi di addestramento dal2009, ma la repressione non è mai una soluzione a lungo termine ed è questo sui cui sta lavorando il Centro per la Cultura Democratica di Berlino. Spesso sono gli stessi genitori che si rivolgono al Centro preoccupati per l’interesse deiloro figli al terrorismo islamico.

La prima destinazione per i giovani jihadisti tedeschi è ilWaziristan in Pakistan, ma i servizi segreti ritengono che anche la Somalia possa diventare un punto di approdo per gli aspiranti combattenti, dove alQaeda con il supporto dei militanti di al Shabab sta facendo guerra al già fragile governo.

Barbara Alvino

Questo articolo puoi trovarlo anche su LiberoReporter e su Wilditaly

Annunci

Collettivo Latrones -Si indigneranno? Per ora dormono

24 maggio 2012 2 commenti

Sul sito del Collettivo Latrones è partito il conto alla rovescia. Iscriviti alla newsletter e passaparola. Segui Collettivo Latrones anche su Twitter e Facebook

Il Collettivo Latrones -un gruppo di grafici, designer, scrittori, fotografi e giornalisti- tenta di risvegliare le coscienze in una terra addormentata.

Dal febbraio 2010 il Collettivo Latrones raggruppa grafici, fotografi e scrittori originari di Terra di Lavoro. Il Collettivo si occupa di tematiche ad alto impatto sociale e tenta di rappresentare la complessa realtà di una provincia del Sud Italia – paradigmatica dello stato di degrado di un intero paese – puntando su una comunicazione visiva diretta e immediata. L’obiettivo è diffondere conoscenza per risvegliare le coscienze.

Since February 2010, the Collettivo Latrones has been assembling graphic designers, photographers and narrators born in Southern Italy – mostly from Caserta and Naples. Collettivo uses direct visual media to depict the harsh reality of living in the provinces of Southern Italy, which are representative of the state of decay of the entire country. Using photographs, images, and “graphic journalism”, they raise awareness about Italian social problems worldwide.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Categorie:Altro, Cyber attivismo

Infografica Quanto Vale Facebook!Siamo tornati alla New Economy anni 90?

19 maggio 2012 34 commenti

Oggi il Social Media più noto sbarca in borsa con un valore di mercato totale di 104 miliardi di USD. Facebook oggi vale / capitalizza di più Amazon, McDonald’s, Eni, Starbucks ed il suo valore è superiore al Prodotto Interno Lordo (PIL o GDP) annuo di interi paesi come Bulgaria e Slovacchia! Scopri di più in questa infografica su Facebook….. (leggi su Ale Agostini)

A.A.A. Corsi Digital Marketing Cercasi

9 maggio 2012 74 commenti

Secondo una ricerca condotta da Epson Business e realizzata da Coleman Parkers,  che ha preso in esame 1.250 titolari di piccole aziende distribuiti equamente in 5 paesi europei: Germania, Gran Bretagna, Francia, Italia e Spagna,  per il 72% degli imprenditori italiani i nuovi strumenti di web marketing hanno migliorato il rendimento della propria attività. Questo dato lascia di stucco chi ritiene l’Italia un paese sempre indietro in quanto a digital marketing e invece, questa volta, ha distaccato di molto la media europea (circa 58%). Anche le vendite online sono aumentate -soltanto nel continente europeo del 31% rispetto al 2009- e con loro la ricerca di figure professionali adeguate e di offerte formative.

Non è facile districarsi tra i centinaia di corsi/eventi formativi proposti in rete. Tra convegni, seminari e lezioni frontali, per diventare un esperto di WEB marketing è necessario acquisire in breve tempo quante più competenze pratiche possibili. Molto spesso nelle offerte formative si preferisce fornire esempi di esperienza diretta -case studies-  che possono certamente tornare utili, ma che in corsi della durata di 2 giorni rischiano di rivelarsi uno spreco di tempo e  di non fornire le capacità pratiche necessarie. Anche l’alternanza degli  interventi di professionisti del settore –solitamente una media di 8 al giorno in una sola giornata- rischia di generare confusione.

Trovare un valido corso di formazione professionale in questo ambito non è semplice, troppe le proposte e molto spesso inadeguate. In questo articolo abbiamo selezionato i migliori eventi formativi di Seo in campo nazionale.

Bruce Clay

Classificato come uno dei migliori 10 marchi nel settore Seo dalla Goldline Research e dalla Promotion World, Bruce Clay è attualmente classificato da TopSEOs  come il n° 1 nel settore Formazione e come n° 2 nel settore PPC. La sessione formativa include 2 giorni di corso intensivo, un anno del Software Americano Seo Toolset e Materiale Seo e il libro: “Trovare clienti con Google”. I corsi SEO Bruce Clay alle esercitazioni pratiche abbinano basi metodologiche Seo che si sono dimostrate vincenti negli Usa e usate da società partner come Cnn, Ebay, Toyota, Mtv, etc.. Il corso si svolgerà a Milano il 21 e 22 giugno in lingua inglese, ma su richiesta è disponibile la traduzione simultanea.

Antezeta

L’azienda offre una serie di offerte formative aperte al pubblico o ad aziende che vanno dal Seo (posizionamento e conversione, sitemaps, Pay per Click) ai Social Media (Facebook, Twitter, Corporate Blog), passando per la Misurazione digitale ( Google Analytics, dalla raccolta all’analisi degli accessi ai siti) . Il corso può essere personalizzato in base alle esigenze dei frequentanti, per esempio con un taglio più orientato al marketing o agli aspetti tecnici. Il calendario prevede corsi a Milano  il 14 e 15 maggio, il 13 e 14 giugno e il 19 e il 20 settembre.

Eventi Gt

Giorgio Taverniti, ideatore del progetto Community Gt, in una due giorni dedicata al Seo (Search Engine Optimization) e al Sem (Search Engine Marketing) raggruppa molti degli esperti Seo di Italia.  Dopo il successo del V Convegno Gt svolto a Riccione nel 2011 e delle Webinary -lezioni online che hanno consentito agli appassionati di essere aggiornati sulle ultime novità del web marketing e dei motori di ricerca- gli eventi Gt si svolgeranno quest’anno in tutta Italia. Le giornate studio (Gt Study Day) si svolgeranno nei mesi di maggio, giugno,settembre, ottobre e  novembre con l’obiettivo di far condividere esperienze tra gli esperti Seo, best practices, consigli e i trucchi per aumentare il volume di traffico che un sito web riceve dai motori di ricerca.

Be-Wizard

La due giorni di formazione si è conclusa a marzo (sul sito non sono segnalati prossimi eventi) e l’evento ha visto alternarsi i migliori professionisti del marketing online del mondo. Almeno 16 gli interventi (8 al giorno) che hanno fatto il punto sulle novità e sugli strumenti di Web Marketing di maggior uso. Tre le sessioni: Turismo, Business, Advanced. Una platea composta da albergatori e operatori del turismo online, aziende e imprenditori che commerciano attraverso la rete e quella delle web agency e dei professionisti del web che vogliono aggiornarsi e approfondire tecniche avanzate di Web Marketing.

Barbara Alvino

Milano: dal 17 al 22 aprile in scena la Fiera del Mobile

22 aprile 2012 11 commenti

Giunta alla sua 51esima edizione la Fiera del mobile si riconferma l’evento internazionale di riferimento per il mondo dell’arredo.

La design-week milanese, che si svolge nel quartiere fieristico di Rho dal 17 al 22 aprile,  ospita il Salone Internazionale del Mobile, Euro Cucina/Salone Internazionale dei Mobili per Cucina, il Salone Internazionale del Bagno, il Salone Internazionale del Completamento d’Arredo eil Salone Satellite.

Con quasi 2500 espositori, l’evento ha finora accolto circa 150mila visitatori (300mila quelli previsti) di cui il 70 per cento stranieri-15mila cinesi e 12mila i brasiliani- che porteranno un guadagno al settore delturismo di circa 190 milioni di euro.

La novità di quest’anno è  il Salone Euro Cucina, unica manifestazione diriferimento del settore con circa 150 espositori e affiancata all’evento “FtkTechnology for the Kitchen”dedicato agli elettrodomestici da incasso e alle cappe d’arredo.

Alla sua 15esima edizione è giunto il Salone Satellite -quest’anno dedicato al “ Design<->Technology”-che coinvolge giovani e promettenti designer internazionali che espongono –oltre ai propri prodotti- anche uno o più prototipi inerenti alle categorie merceologiche delle biennali: Euro Cucina e il Salone Internazionale del Bagno.

Nell’ambito di questa esposizione, non poteva mancare un omaggio all’imprenditore informatico Steve Jobs con il catalogo in formato digitale ricco di immagini e informazioni sugli artisti, gratuitamente disponibile in App per iTunes Store.

Altri gli eventi che fanno da contorno a questa manifestazione.

Al Teatro dell’Arte della Triennale di Milano va in scena DesignDance -un progetto di Michela Marelli e Francesca Molteni- dove 456 oggetti didesign sono messi in movimento da attori, acrobati e danzatori.

Alla Biblioteca Pinanoteca Accademia Ambrosiana prenderà vita l’installazione libro cielo di Attilio Stocchi, un omaggio alla Milano romana e una riflessione sul nostro patrimonio letterario antico.

E infine il fuori salone, l’evento più amato dai milanesi.

Esposizioni di design e tecnologia, aperitivi e buffet in strada, mostre e installazioni riscaldano questa Milano uggiosa che, in barba alla crisi, è pronta a scommettere sul futuro.

Barbara Alvino

Questo articolo puoi anche trovarlo su Libero Reporter

Celiachia, sfogo senza glutine

3 maggio 2011 2 commenti

AEREO:

“Buongiorno Signorina, ho ordinato un pasto senza glutine”. “Si”, risponde cordialmente l’hostess, “controllo subito!” “Ha detto vegetariano signorina?”, continua l’hostess. “No”, rispondo. “Vegano?”, dice. “Noo”. “Ipocalorico?”, insiste. “No, signorina, senza glutine, un pasto per celiaci”. “Un attimo che controllo meglio”. Dopo qualche minuto, torna da me: “Mi spiace signorina, ci deve essere stato un errore, non abbiamo cibo senza glutine a bordo”. “Ah! Eppure l’ho prenotato personalmente alla compagnia!” “Signorina ci spiace, ma possiamo darle dell’ottima macedonia del pasto vegetariano”.

Ok, 8 ore di volo resisterò..

TRENITALIA:

Annunciamo ai clienti Trenitalia che la carrozza ristorante è aperta.

“Buongiorno signorina, dal menù leggo che adattate pasti vegetariani e ipocalorici, ma pasti senza glutine?”, osservo. “Mi spiace signorina, purtroppo non è previsto! Se vuole posso darle un contorno. Abbiamo verdure grigliate e come frutta una gran bella macedonia!”, dice la cameriera. “Grazie, purtroppo non ho scelta! Il contorno e la macedonia andranno benissimo”.

MENSA:

“Signora mi scusi, sono celiaca e avrei bisogno che mi indichi un possibile pasto senza glutine”, urlo da dietro al bancone tra la confusione. “Vedo delle verdure lì, posso mangiarle, vero? Sono semplicemente lessate?”. “No”, risponde la donna dietro al bancone, “non siamo sicuri che non sia venuto a contatto con farina”. “Ok. E lì c’è del riso, andrà bene..”. “No, è cotto con l’acqua della pasta”, mi ammonisce la donna. “Guardi, per oggi può prendere un po’ di insalata, ma domani le prepareremo del risotto bianco. Contenta?”, mi domanda. “Eh! Ma non è possibile avere un menu differente? Pasta con il pomodoro o condita come gli altri piatti?”, chiedo alla signora. “No signorina, c’è troppa confusione in cucina. Non possiamo.”

RISTORANTE:

“Buongiorno, vorrei prenotare un tavolo per 4 persone. Ah! Senta, c’è bisogno di un pasto senza glutine, è possibile?”, chiedo al métre. “Senza?”, mi domanda lui. “Senza glutine!”, rispondo. “Si, certo! Dovrebbe portarci però la pasta, al secondo ci pensiamo noi!”, mi rassicura. Perfetto!

Arrivo assieme ai miei ospiti al ristorante e siedo al tavolo prenotato. Chiamo subito lo chef per consegnargli il pacco di pasta. “Come la gradisce la pasta, signora? Con il pomodoro? Con il parmigiano? O con dell’ottimo olio d’oliva crudo?” . Esito. “Vede”, continua, “ancora non siamo molto attrezzati per la celiachia”. Adirata rispondo: “Un secondo andrà benissimo”.

Giornata mondiale della celiachia.

Tanta è la strada fatta, tanta è quella che rimane da percorrere.

Calatevi sempre nei panni degli altri, è l’unico modo per capire le sofferenze altrui.

B.A.

Clandestini dentro, al di là dei confini

26 marzo 2011 1 commento

Dritta al dunque perché è uno sfogo e non una riflessione.

Sono cresciuta guardandomi attorno, prendendo le distanze da quello che mi circondava. Non mi rivedevo in niente e non apprezzavo ipocriti giochetti. Credevo nella verità e nel rispetto, abc del mio essere. Sognavo di vivere una vita felice, frutto del mio impegno e basta. Mi ripetevo che ce l’avrei fatta da sola, perché lo sentivo, sapevo di avere la stoffa. Credevo che sarei stata ripagata dei miei sacrifici e per questo non mi pesavano. Non volevo vivere passivamente la mia vita, volevo esserne parte attiva, sceglierla, disegnarla, colorarla e goderne. Ho fissato un obiettivo, costruito una scala per arrivarci. Ogni passo mi entusiasmava, guardavo il gradino superato e ne gioivo. Continuavo a fissare la méta, ero convinta di arrivarci.

Sono cresciuta. Grande in un mondo di piccoli, abile in un mondo di idioti, umile in un mondo ipocrita. I sacrifici hanno irrobustito le mie spalle, lo studio la mia coscienza, l’esperienza le mie aspettative.

Sogno di andar via, in un posto forse che non esiste, dove poter mettere in pratica quello che ho imparato.

Voglio vivere tra persone intelligenti, non saccenti, capaci di costruire coscienze e non di demolirle, in grado di preservare e non di consumare valori necessari ma non scontati.

Piccolo sfogo, personale ma condiviso, per chi come me soffre nel vedere attorno stupidi bambini incravattati da uno stile che gli calza a pennello.

B.A.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: